volontariato in stazione

Oggetto Le Ferrovie dello Stato Italiane (Fs), la Rete Ferroviaria Italiana (Rfi) in accordo con il Csvnet (Coordinamento Nazionale dei Centri di Servizio per il Volontariato), hanno siglato il 14 marzo 2013 un Protocollo, secondo il quale le stazioni impresenziate possono diventare spazi fruibili d’incontro e promozione del volontariato, dove realizzare azioni integrate e inclusive, per rispondere ai bisogni dei territori in un’ottica di cittadinanza attiva e di promozione sociale. In sinergia e tramite i Centri di Servizio per il Volontariato queste strutture possono essere messe a disposizione delle associazioni di volontariato per realizzare iniziative diversificate, come: progetti d’inclusione sociale per soggetti a rischio, attività di protezione civile, azioni finalizzate alla valorizzazione delle peculiarità storiche, culturali, ambientali del territorio e molto altro. In questo modo le stazioni possono aprirsi alla comunità, diventando luoghi di incontro e di relazione.

In base all’accordo tra Fs, Rfi e Csvnet, gli spazi possono essere assegnati in comodato d’uso gratuito o ad affitti popolari.

Procedura. L’associazione deve presentare al suo Centro Servizi per il volontariato (Csv) di riferimento la dichiarazione di interesse ed il progetto, tramite appositi moduli.

Il Csv trasmette poi la documentazione a Csvnet, che fa le opportune verifiche. In caso di approvazione

della domanda, Csvnet comunica l’esito positivo all’associazione e/o al Csv.

Contemporaneamente Rete Ferroviaria Italiana informa il suo dirigente territoriale. L’approvazione del progetto è il presupposto per la formalizzazione della messa in disponibilità dei locali nella forma di comodato d’uso gratuito o altra forma giuridica concordata tra le parti (art. 2 del Protocollo d’Intesa).

Informazioni: www.rfi.it/rfi/LINEE-STAZIONI-TERRITORIO/ Le-stazioni/Piccole-stazioni-in-comodato

Il Ce.s.Vol. svolge la sua attività con le risorse del fondo speciale per il volontariato, amministrato dal Comitato di gestione dell'Umbria e alimentato dalle seguenti fondazioni.
Fondazioni casse di risparmio di: Perugia, Terni e Narni, Spoleto, Foligno, Orvieto, Citta di Castello e la Fondazione Monte dei Paschi di Siena
Copyright © Ce.S.Vol. Terni 2014 Rete Provinciale del Volontariato - Terni C.F. 91025850552 - Policy
designed by Utilità Manifesta