Materie amministrative

Cosa si intende per attività di volontariato?

Per la legge istitutiva delle OdV per attività di volontariato si intende quella prestata in modo personale, spontaneo e gratuito, tramite l’organizzazione di cui il volontario fa parte per fini di solidarietà e senza fini di lucro anche indiretto.

Lo statuto delle organizzazioni di volontariato deve riportare tale elemento e magari opportunamente specificare che l’attività del volontario non può essere retribuita in alcun modo nemmeno dal beneficiario e che al volontario possono essere solo rimborsate dall’organizzazione di appartenenza le spese effettivamente sostenute per l’attività prestata, entro i limiti preventivamente stabiliti. La qualità di volontario è pertanto incompatibile con qualsiasi forma di rapporto di lavoro subordinato o autonomo e con ogni altro rapporto di contenuto patrimoniale con l’organizzazione di cui il volontario fa parte.

Chi può essere organizzazione di volontariato?

E’ considerata OdV ogni organismo liberamente costituito al fine di svolgere le attività di volontariato che si avvalga in modo determinante e prevalenti delle prestazioni personali, volontarie e gratuite dei propri aderenti.

Anche se le OdV possono assumere la forma giuridica che ritengono più adeguata, quella maggiormente utilizzata è l’associazione non riconosciuta di cui agli artt. 36 e ss. del codice civile che assume quindi, avendone i requisiti, la qualifica di organizzazione di volontariato.

Cosa deve contenere lo statuto di un’associazione di volontariato?

Ai sensi della normativa nazionale e della Regione dell’Umbria l’atto costitutivo, lo statuto o l’accordo degli aderenti deve corrispondere ai seguenti requisiti:

  1. finalità di solidarietà;
  2. assenza di fini di lucro;
  3. democraticità della struttura;
  4. elettività delle cariche;
  5. gratuità delle cariche associative;
  6. gratuità delle prestazioni degli aderenti;
  7. criteri di esclusione degli aderenti;
  8. obblighi degli aderenti;
  9. diritti degli aderenti;
  10. obbligo di formazione del bilancio;
  11. obbligo di iscrivere in bilancio i beni, i contributi o i lasciti ricevuti;
  12. modalità di approvazione del bilancio da parte dell’Assemblea;
  13. indicazione del quorum per la validità delle deliberazioni assembleari per lo scioglimento dell�organizzazione e per la devoluzione del patrimonio conformi all’art.21 del codice civile.

.

Come deve essere costituita una OdV?

E’ necessario avere un atto costitutivo e statuto redatto in forma scritta che sia registrato presso l’Ufficio del registro usufruendo dell’esenzione dall’imposta di bollo e di registro.

Non è necessario l’intervento del notaio

A chi deve essere inoltrata e cosa deve contenere la domanda di iscrizione al Registro Regionale?

La domanda di iscrizione al registro deve essere inviata contestualmente:

  1. Al Comune in cui ha sede l’Associazione;
  2. Regione Umbria- Servizi Affari Generali della Presidenza- C.so Vannucci, n. 96 – 06122 Perugia

La domanda va corredata di:

  1. Statuto e atto costituivo dell’associazione;
  2. Relazione sulle attività svolte (o da svolgere per i soggetti appena costituiti)
  3. Copia polizze assicurative responsabilità civile, infortuni, malattie a favore dei soci volontari

Le OdV possono avere dipendenti?

Le OdV possono assumere lavoratori dipendenti o avvalersi di prestazioni di lavoro autonomo esclusivamente nei limiti necessari al loro regolare funzionamento oppure occorrenti a qualificare o specializzare la loro attività.

Si tenga comunque sempre presente l’incompatibilità di qualsiasi forma di rapporto di lavoro con l’organizzazione dei soci-volontari.

Quali sono le agevolazioni fiscali in sede di costituzione?

La L. N. 266/1991 all’art. 8, comma 1, stabilisce che gli atti costitutivi delle organizzazioni di volontariato sono esenti dall’imposta di bollo e di registro.

E’ opportuno richiamare tale norma nell’atto costitutivo scrivendo espressamente che ci si avvale di tale agevolazione ai fini della registrazione dell’atto.

Può essere qualificata Onlus un’organizzazione di volontariato?

Le OdV una volta iscritte nel registro regionale sono qualificate Onlus di diritto (così come le cooperative sociali e le ONG).

Per usufruire di tale qualifica non devono pertanto presentare nessun’altra domanda all’Agenzia delle Entrate.

La domanda di iscrizione all’anagrafe delle Onlus all’Agenzia delle Entrate va presentata solo da parte di coloro che non sono Onlus di diritto.

Può una OdV essere iscritta anche nel Registro Regionale delle Associazioni di promozione sociale?

No. L’iscrizione nei due registri è incompatibile così come stabilito dall’art. 4 della L. R. del 16 Novembre 2004 n. 22 (Legge regionale che disciplina le associazioni di promozione sociale).

Nel momento in cui una OdV gi� iscritta al registro regionale del volontariato, a seguito di apposita domanda, fosse iscritta al registro regionale delle associazioni di promozione sociale sarebbe automaticamente cancellata dal registro del volontariato.

Il Ce.s.Vol. svolge la sua attività con le risorse del fondo speciale per il volontariato, amministrato dal Comitato di gestione dell'Umbria e alimentato dalle seguenti fondazioni.
Fondazioni casse di risparmio di: Perugia, Terni e Narni, Spoleto, Foligno, Orvieto, Citta di Castello e la Fondazione Monte dei Paschi di Siena
Copyright © Ce.S.Vol. Terni 2014 Rete Provinciale del Volontariato - Terni C.F. 91025850552 - Policy
designed by Utilità Manifesta