Sportello Progettazione: ecco come prenotarsi

Sportello Progettazione: ecco come prenotarsi

Ricordiamo a tutti gli Enti di Terzo Settore che presso il Ce.S.Vol della provincia di Terni è istituito lo “Sportello Progettazione”, attivo giovedì 923 e 30 agosto 2018 dalle ore 9:00 alle ore 13:00.

Il servizio è attivo su prenotazione ai seguenti  numeri:

  • 0744 812786 int. 5  Laura Pelle  Sede Terni
  • 0744726220              Annalisa       Sportello Narni
  • 0744 982280             Valentina     Sportello Amelia
  • 0763 393130             Laura Rossi  Sportello Orvieto

Ricordiamo inoltre che il 31 agosto scade il Bando  5/2018- Welfare di Comunità, della Fondazione Carit (sito: www.fondazionecarit.it/bandi-in-corso

Chiusura estiva del Cesvol

Il Centro di Servizio per il Volontariato della provincia di Terni resterà chiuso da lunedì 13 a mercoledì 22 agosto 2018 compresi.

Riaprirà con i consueti orari a partire da lunedì 27 agosto 2018.

AVVISO 2018 PER IL FINANZIAMENTO DI INIZIATIVE E PROGETTI di ODV e APS

FINANZIAMENTO DI INIZIATIVE E PROGETTI DI RILEVANZA LOCALE PROMOSSI DA PARTE DI ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO E ASSOCIAZIONI DI PROMOZIONE SOCIALE.

IN BASE ALL’ACCORDO DI PROGRAMMA SOTTOSCRITTO TRA IL MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI E LA REGIONE UMBRIA AI SENSI DELL’ARTICOLO 72 E 73 DEL DECRETO LEGISLATIVO 3 LUGLIO 2017, N. 117 – ANNO 2018

Alla Regione Umbria è stata assegnata la somma di € 735.168,57 per il finanziamento di progetti e  iniziative che dovranno concorrere al raggiungimento dei seguenti obiettivi generali:

  1. Promuovere la salute e il benessere per tutti e per tutte le età
  2. Promuovere un’educazione di qualità, equa ed inclusiva, e opportunità di apprendimento per tutti;
  3. Promuovere una crescita economica duratura, inclusiva e sostenibile, un’occupazione piena e produttiva ed un lavoro dignitoso per tutti;
  4. Promuovere le pari opportunità e contribuire alla riduzione delle disuguaglianze;
  5. Promuovere società giuste, pacifiche ed inclusive;
  6. Promuovere un’agricoltura sostenibile e responsabile socialmente

Le iniziative e i progetti dovranno riguardare una o più delle seguenti aree prioritarie di intervento (in numero massimo di tre)

  1. Contrasto delle forme di sfruttamento del lavoro, in particolare in agricoltura, e del fenomeno del caporalato;
  2. Sviluppo della cultura del volontariato, in particolare tra i giovani e all’interno delle scuole;
  3. Sostegno all’inclusione sociale, in particolare delle persone con disabilità e non autosufficienti;
  4. Prevenzione e contrasto delle dipendenze, ivi inclusa la ludopatia;
  5. Prevenzione e contrasto delle forme di violenza, discriminazione e intolleranza, con particolare riferimento a quella di genere e/o nei confronti di soggetti vulnerabili;
  6. Contrasto a condizioni di fragilità e di svantaggio della persona al fine di intervenire sui fenomeni di marginalità e di esclusione sociale, con particolare riferimento alle persone senza dimora, a quelle in condizioni di povertà assoluta o relativa e ai migranti;
  7. Sviluppo e rafforzamento della cittadinanza attiva, della legalità e della corresponsabilità, anche attraverso la tutela e la valorizzazione dei beni comuni;
  8. Sostegno alle attività di accompagnamento al lavoro di fasce deboli della popolazione;
  9. Contrasto alle solitudini involontarie specie nella popolazione anziana attraverso iniziative e percorsi di coinvolgimento partecipato;
  10. Sviluppo di forme di welfare generativo di comunità anche attraverso il coinvolgimento attivo e partecipato in attività di utilità sociale dei soggetti che beneficiano di prestazioni di integrazione e sostegno al reddito nonché degli altri appartenenti alle categorie di cui all’articolo 1 comma 312 della legge 28/12/2015, n. 208 e all’articolo 1, commi 86 e 87 della legge 11 dicembre 2016, n. 232;
  11. Sviluppo delle reti associative del Terzo settore e rafforzamento della loro capacity building, funzionale all’implementazione dell’offerta di servizi di supporto agli enti del Terzo settore;
  12. Sensibilizzazione e promozione del sostegno a distanza –

 

Si evidenzia che il punto 11) sopracitato dovrà riguardare una offerta di servizi di natura diversa rispetto a quella dei Centri di servizio (CESVOL) ma dovranno essere collegati alla missione peculiare della rete e quindi riferibili esclusivamente alla specifica rete associativa.

Il bando verrà presentato sabato 30 giugno presso la sede del Cesvol di Terni in via Montefiorino n, 12/c.

Il Ce.s.Vol. svolge la sua attività con le risorse del fondo speciale per il volontariato, amministrato dal Comitato di gestione dell'Umbria e alimentato dalle seguenti fondazioni.
Fondazioni casse di risparmio di: Perugia, Terni e Narni, Spoleto, Foligno, Orvieto, Citta di Castello e la Fondazione Monte dei Paschi di Siena
Copyright © Ce.S.Vol. Terni 2014 Rete Provinciale del Volontariato - Terni C.F. 91025850552 - Policy
designed by Utilità Manifesta